CUORE PREZIOSO DEL CARSO.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ una terra dura, aspra e forte. Come i suoi abitanti. Poche migliaia di persone che vivono sulla lingua di terra che abbraccia la città e si specchia nel Golfo di Trieste.

I “carsolini” sono gente fiera, lungamente e duramente provata dalle vicende di questo lontano lembo d’Italia. Molti di loro lavorano la terra, dedicando anima e corpo a quella terra rossa, incastonata di pietre bianche e macchia silvestre.

Hanno vita dura, come tutti i contadini, ma, forse, un po’ più dura. La terra è grassa e generosa, ma bisogna domarla e, per farlo, occorrono volontà e tenacia fuori dall’ordinario. Poi la terra è prodiga di doni, ma solo con coloro che le hanno dimostrato dedizione, rispetto e amore.

Così sono loro. Cocciuti, tenaci, duri e riservati.

Ho conosciuto da vicino una famiglia del Carso. E’ la prima volta che ciò mi accade, a testimonianza di quanto la comunità dell’altipiano triestino preferisca restare coesa all’interno di se stessa, proteggendo la sua tipicità.

I “miei” carsolini hanno regalato una lezione di vita che raramente dimenticherò.

Una famiglia che ha superato un numero notevole di prove, non perdendo mai la sua unità, anzi, uscendone di volta in volta, maggiormente coesa, solida, cementata. I problemi di una vita intrecciati come maglie di uncinetto dentro il filo del tempo.

Mai una caduta, mai un dubbio, la gestione del dolore condivisa e sopportata, come si condividono e sopportano i segni sulle mani, evidenza del lavoro nei campi.

Ho pianto ieri sera, per una commozione grandissima, dinnanzi a una famiglia che ha saputo superare con coraggio l’ennesimo ostacolo, amandosi, gli uni gli altri, se possibile, ancora di più.

Voglio trovare anche io quella terra rossa, carica di ferro, di sudore, di zolle durissime da arare ma così generosa nei suoi doni.

Intanto la lezione di vita è con me.

Imparare a trasformare ogni prova in una nuova occasione per crescere e per migliorarsi.

Lottare per mantenere vivo e vibrante il legame d’amore in cui si crede e in cui ci si ritrova.

Avere coscienza che l’amore coniugale, filiale, amicale o altro è sempre frutto di un grande lavoro e di una grande volontà di non arrendersi.

Grazie mie foglie di sommaco, mie zolle rosse, mie pietre calcaree. La lezione, adesso, è dentro di me.

Paradita

IMAGE CREDI DA QUI E QUI E QUI

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in amici e amiche, amore, anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, buona continuazione di giornata, carezza al cuore, donne vere, gioia di vivere, good vibration, La RI-nascita, nomen nominis, pausa pranzo, pensieri, personaggi, riflessioni, scoprire il velo, segni sulla pelle, sopravvivere, triestina purosangue, Uncategorized, uomini e donne, uomini moderni, vita di coppia, vita moderna, vita nuova

IL TAVOLINO

Cafe-de-Flore-630x405-C-OTCP-David-Lefranc-I-128-19.jpg

Due figure scivolano veloci nella penombra di una sala. Le osservo dal mio tavolino discosto, lontano dal chiacchiericcio del bancone del bar, lontano dagli sguardi. Preferisco osservare che essere vista.

L’atmosfera è densa quasi calda. La luce giallognola accompagna la melodia di un tango avvolgendone le note. Dinnanzi a me sguardi sognanti, occhi chiusi, abbracci accorati, disinvolti o rapiti. Magia della milonga. Cocktail di corpi e di vite, insieme per istanti a toccarsi poi, il nulla.

Ripenso al nostro ultimo abbraccio. Così intenso, pregno di noi, del sudore mescolato ai nostri profumi. Ho amato ogni movimento che abbiamo fatto insieme, come fossimo nati dalle mani dello stesso liutaio. Ero parte di te, il mio corpo suonava sul tuo.

Ho messo tutto quello che avevo dentro questo sogno liquido, che prendeva forma in ogni recipiente in cui abbiamo versato la nostra essenza.

Accanto a me una sedia vuota, tu sei altrove, a sublimare una ricerca che non troverà mai soluzione.

Ho creduto fosse amore. Ho frainteso il significato che avevo letto nei tuoi occhi. Era solo il riflesso della luna di settembre.

Paradita

IMAGE CREDIT DA QUI

Lascia un commento

Archiviato in 2018, amarcord, amore, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, maschere, milonga, mondo panda, oggi va così, pausa pranzo, pensieri, pimpra dreaming, pimpra milonguera, riflessioni, scoprire il velo, sogni, tango argentino, tanto tango, Uncategorized, visioni, vita moderna

SULL’AMICIZIA

friendship-sms

Mi piace pensare a questa nostra vita come a un lungo (speriamo) viaggio in cui sperimentiamo conoscenza, arricchiamo il nostro bagaglio, scambiamo i nostri doni e rendiamo la nostra vita più interessante e colorata.

Il viaggio è per forza solitario: nasciamo, viviamo e moriamo da soli. Però, nel frattempo, possiamo condividere lo spazio/tempo con altre anime come noi.

La vita senza amici è quasi impossibile da immaginare. Mi crea strazio al solo pensiero, mi rimanda in faccia la solitudine cosmica, il vuoto, l’assenza.

Ho la fortuna di avere degli amici che prendono di me il “pacchetto completo” con i miei pro ma, soprattutto, con i miei contro che sono tanti e fastidiosi.

Ho un’amica che mi è cara come una sorella e qualche amico con il quale ho percorso tratti di vita, ho condiviso esperienze, anche amore – in verità-  e che è sempre rimasto amico, nonostante tutto.

Il tema è questo: restare “nonostante tutto”.

Io non sono una che resta nei termini di presenza, ma il mio cuore resta, tanto che, chi ha voglia di capire realmente chi sono, lo sa. A distanza di anni e silenzi, quando la persona chiama, io rispondo e “ci sono”.

Non va bene però, me ne rendo conto. Perché è un po’ come lasciare un giardino infestarsi di erbacce, perdere la sua primavera e il suo inverno, perdere la sua vita.

Dovrò imparare ad esserci di più, più spesso.

Noto che le donne che mi sono passate vicino e che mi hanno donato la loro amicizia “nonostante tutto”, sono capaci di tornare di riavvicinarsi e di sopportare il mio carattere ostile.

Gli amici maschi, specie le amicizie recenti, invece, scompaiono.

Si va via per diverse ragioni, per nuovi interessi, per perdita di interesse, per aspettative rimaste inattese, si va, ci si allontana come se, tutto il tempo dell’amicizia, fosse evaporato nel nulla.

Adesso vivo questa situazione con dispiacere che un tempo non provavo.

Come affermano gli amici di un gruppo che frequento, quando ci si scambiano confidenze, emozioni, pensieri, vita, è come donare all’altro un tesoro, il proprio tesoro.

L’improvvisa sparizione dell’amico/confidente è come il tradimento di un patto di intimità e di condivisione: fa male, ci si sente, improvvisamente, abbandonati, buttati via.

Allora mi ripeto che è tutta una grandissima illusione. Uno scambio basato solo sull’interesse, un momento in cui si usa chi c’è a proprio beneficio perché fa comodo,  nel limite di un baratto che conviene sempre di più a una sola delle due parti in causa.

Amicizia 2.0.

Paradita

IMAGE CREDIT DA QUI

Commenti disabilitati su SULL’AMICIZIA

Archiviato in 2018, amici e amiche, anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, bad vibration, buona continuazione di giornata, donne moderne, donne vere, ego, maschere, mondo panda, pausa pranzo, pensieri, riflessioni, scoprire il velo, segni sulla pelle, social network, sopravvivere, spriz aperol, sticazzi, Uncategorized, uomini dai quaranta in su, uomini e donne, uomini moderni, visioni, vita moderna, vita nuova

ESTATE.

IMG_4858.jpg

Ci sono domeniche d’estate che i pensieri corrono con ali di farfalla accarezzando le onde del tuo mare.

Fa caldo e il sole brucia sulla mia pelle biancastra, sono al mare da sola, come amo fare da sempre. Non cerco parole da scambiare, mi basta il respiro del mare, lo stridio dei gabbiani, quella lieve bava di vento. Respiro così, finalmente libera da quei pensieri pesanti, impestati di fuliggine che creo durante la settimana. E’ questo il potere di Natura, pulire, rinfrescare, ossigenare.

L’ipod mi propone una scelta musicale di quelle che ti rilassi o ti butti a mare con un masso sul collo. Scelgo la prima opzione.

Mi guardo intorno.

Giovani, coppie di tutte le età, gruppi, famigliole. La spiaggia mi piace perché, magia del luogo, siamo in tanti ma ognuno gode di un suo spazio personale. Mi distendo e osservo i corpi  svestiti di chi ho intorno.

Una coppia attempata, lei sulla sdraio, lui a terra, asciugamano e sassi, senza un cuscinetto a salvargli la schiena. Stanno così. Lei mi guarda insistentemente, forse le suona strano il mio Kufi bianco, quello che usano gli uomini musulmani quando pregano. A me piaceva, l’ho comprato a Francoforte da un arabo che ha molto apprezzato il gesto.

L’uomo l’aiuta a raggiungere l’acqua e a risalire, quasi un fedele servitore che a servizio concluso si rimette a terra, ai suoi piedi. Guardo i corpi, osservo il lento e inesorabile logorio del tempo, quasi a divorare giovinezza giorno dopo giorno, e con questi occhiali, vedo anche me.

Ripenso a tutte le età della donna, a quanti orologi biologici scandiscono la nostra vita, a come li viviamo, a quanto riescono a renderci felici o disperate. Per l’uomo la vita è più semplice, perde i capelli e la barba diventa bianca, così come i peli del corpo, il ventre ingrandisce a volte a dismisura. Poca cosa rispetto a quello che accade a noi.

Sempre più violento diventa l’appello alla giovinezza, alla bellezza, alla fama, all’esibizione ostentata di sé. Così fan tutte per cercare di combattere il mostro cattivo, il demonio distruttore del Tempo.

Ho spento l’Ipod, raccolto le mie cose e sono andata via sul flusso di alta marea.

Paradita

Lascia un commento

Archiviato in 2018, amici e amiche, anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, buona continuazione di giornata, cambio di stagione, chiuso per ferie, donne moderne, donne vere, ego, gioia di vivere, good vibration, La RI-nascita, lupacchiotta di mare, mondo panda, oggi va così, pausa pranzo, pensieri, riflessioni, scoprire il velo, segni sulla pelle, sogni, sopravvivere, specchio delle mie brame, spriz aperol, sticazzi, trieste, triestina purosangue, Uncategorized, uomini e donne, vacanze low cost, visioni, vita moderna, vita nuova

RESET

reset_button.png

Io ai numeri non credo, non li capisco, non mi parlano anzi, semmai, mi creano disagio, un enorme disagio.

Ricordo perfettamente l’orrore del mio esame di seconda elementare, lo so sono una dinosaura, quando la maestra mi chiese “Dimmi cara, quanto fa 6-3?” ed io, presa dal panico, risposi veloce “4!”, segnando per sempre il mio difficilissimo rapporto con tutto ciò che lega logica e numeri.

Il tempo trascorre e, fisica da liceo classico a parte, l’orrore verso la matematica è rimasto integro. A volte, a distanza di anni, sogno un’interrogazione di trigonometria (mai avvenuta in realtà) nella quale la prof. mi chiedeva la risoluzione di un problema e io sapevo rispondere unicamente che, da qualche parte, c’entrava un triangolo. Terribile.

Oggi, che sono una arzilla signora di mezza età, mi tocca riconoscere una ciclicità numerica (!!!) nelle fasi della mia vita.

Dal 1998 ad adesso, vivo cicli decennali di enorme ma davvero ENORME cambiamento, il 2018 ci cade in mezzo.

Non mi capacito di quanto mi sta accadendo dentro (soprattutto), fuori e tutt’intorno. Pare che, quella cosa lì più grande di qualsiasi ragionamento, abbia deciso di prendermi a gran calci in culo (perdonate il francesismo), perché è giunto per me il tempo di … cambiare.

Fino a che ero giovane, il cambiamento era uno dei sostantivi che preferivo. Ciò che cambia è vitale, evita la noia, l’appiattimento, la mancanza di stimolo. E’ scoperta, sfida, mette in moto la curiosità e tutto un corollario di sensazioni estremamente positive.

Poi si invecchia ed io non sfuggo alla regola: adesso cambiare mi procura un sacrosanto terrore, eppure devo, la vita me lo impone.

Ed eccomi, alla veneranda età, a dover ricominciare, per l’ennesima volta, tutto da capo. Come se, fin qui, nulla avessi imparato. Testa di legno che sono e quindi, una volta in più, devo ripetere la lezione.

Che fatica.

Paradita

4 commenti

Archiviato in anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, bad vibration, botta di ratapaltz, brain, buona continuazione di giornata, buoni propositi, donne moderne, donne vere, ego, farsi del bene facendosi male, La RI-nascita, mondo panda, oggi va così, pausa pranzo, pensieri, riflessioni, scoprire il velo, segni sulla pelle, sogni, sopravvivere, sticazzi, Uncategorized, vita nuova

LA MIA EQUAZIONE

Riassuntoequazioniletterali

Mi chiedo sempre più spesso perché la mia vita si trova a un punto morto nel quale mi pare di scorgere il sentiero da prendere, ma non riesco a infilarlo mai.

Spendo ore su ore a riflettere, incartandomi in vistosi loop mentali, creando arzigogoli dialettici che mi portano lontano.

La soluzione c’è, sempre. Bisogna cercarla, specie se è nascosta.

Cumulonembi stratificati mi si parano davanti agli occhi, impedendomi la visione. In questo caso serve un atto di coraggio.

Il coraggio serve sempre, dapprima per arrendersi all’evidenza che, molto spesso, le vite che viviamo non hanno un senso. Ci vuole coraggio di saperci soli.  Ci vuole coraggio anche a fidarci delle nostre intuizioni. Ci vuole coraggio di saperci paurosi, sperduti, senza una vera direzione.

E fin qui filosofia da bottega.

Mettiamoci le mani nella vita, con il coraggio di sporcarcele, di ferirle, di saperle deboli, di vederle invecchiare.

Per non dire del coraggio che ci vuole per stare a contatto delle emozioni, di tutte le emozioni che siamo capaci di provare.

La soluzione più comoda è la fuga, il congelamento, la negazione. Invece, bisogna tirare fuori il cavaliere senza macchia e senza paura che le guarda in faccia e si prende il bello e il brutto, la gioia e il dolore fino a che morte non ci separi.

A me il coraggio manca. E la sua mancanza mi ha fatto prendere per troppe volte sentieri sbagliati.

Sono una fifona, ho un sacco di paura. Ho paura di tutto, anche se, fuori, chi mi conosce, mi descrive come una leonessa impavida.

Tutta maschera, difesa, fuga.

Il coraggio più grande, allo stato, è mettermi nuda davanti alle emozioni, di fronte a me stessa. E’ come se mi avessero tolto la pelle, attimo dopo attimo, lentamente, facendomi sentire ogni centimetro che si staccava, procurandomi un dolore lancinante.

Eppure sto. Con fatica, con determinazione, con rabbia a guardarmi in faccia e cercare di capire chi sono.

Voglio portare a compimento la mia personale equazione: avere coraggio mi rende libera. La libertà mi rende felice.

Nel mentre, combatto…

Paradita

2 commenti

Archiviato in 2018, anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, aperibar, autoconservazione, bad vibration, botta di ratapaltz, buona continuazione di giornata, buoni propositi, donne moderne, donne vere, ego, farsi del bene facendosi male, filosofia - articoli, fuori di testa, La RI-nascita, maschere, oggi va così, pausa pranzo, pensieri, riflessioni, scoprire il velo, segni sulla pelle, social network, sopravvivere, sticazzi, Uncategorized, visioni, vita moderna, vita nuova

TROVA IL TUO FIORE TRA LE SPINE

IMG_4438Qualche tempo fa, tra il serio e il faceto ho scritto qualcosa del tipo “se la vita ti regala spine, vai a cercare dove si nasconde il fiore”. Una frase banale, ma solo all’apparenza. Il perché lo sto capendo adesso.

Faccio un madornale errore acquistando il biglietto aereo per il weekend sbagliato e mi perdo un fine settimana di quelli belli, tra tango e amici che mi riempiono il cuore assai.

Dopo le simboliche testate sul muro per l’occasione bruciata e i soldi persi, l’ho presa in ridere: il biondo dei capelli (pur se posticcio) mi ha regalato un colpo da svampita come nelle migliori tradizioni.

Dentro di me, fortunatamente, qualcosa sta cambiando.

Una serata improvvisata con mia madre, a entrambe piacciono le cose che nascono così, senza troppo preavviso, il godimento di rivedere dopo tanto le foto del passato remoto e ricordare tutto con leggerezza.

Un sabato mattina con sorpresa, un amico recente si è offerto di fare da Cicerone nello splendido teatro naturale del parco di San Giovanni. “Andiamo a cercare un cucciolo di tiglio!” mi ha detto appena arrivata. E, dal nulla, la giornata ha preso una piega e un colore inaspettati, meravigliosi.

Il tiglio è il mio albero, l’ho scoperto da poco ed è come se, in uno strano modo quell’Universo che è sempre connesso con noi, avesse trovato il modo di parlarmi ed io  – finalmente – di ascoltarlo.

Adesso, a casa, le talee di potenziali baby alberi sono in cucina, dove, da anni, vivono felici le mie orchidee. Le piante sono molto più sagge di noi, sentono come siamo, come vibriamo e, se lo facciamo bene, anche nei luoghi a loro più ostili, crescono.

L’ho sempre saputo, sempre, infatti, provo dispiacere a vedere i fiori recisi, benché meravigliosi alla vista. La casa del fiore è la sua pianta, il fusto dove si appoggia. Tutte le volte che, nel corso della vita, ho espresso questi concetti, le persone mi hanno guardata come fossi matta, per non dire stupida, ma tale mai mi sono sentita.

Le piante mi amano perché io le amo. Punto. La vita è molto più semplice di tutte le complicazioni che noi le costruiamo intorno.

Oggi ho trovato il mio fiore, grande, splendente, profumato. E, da lontano, quella speciale vibrazione che si chiama felicità ha ripreso a suonare.

Buon weekend Amici. Cercatela anche voi.

Paradita

 

Lascia un commento

Archiviato in 2018, anno nuovo vita nuova, anta e ribalta, autoconservazione, buona continuazione di giornata, carezza al cuore, gioia di vivere, good vibration, La RI-nascita, oggi va così, pausa pranzo, pensieri, piacevole sorpresa, riflessioni, scoprire il velo, trieste, Uncategorized